frode informatica

  • Bloccare le banconote false e rubate

    Banconote segnate, rubate o false, riconoscerle è difficile se non impossibile nel caso di banconote rubate o segnate. Impossibile si per una persona non per un computer.

    come al solito le informazioni sono registrate da qualche parte: sul sito del ministero dell'interno http://coordinamento.mininterno.it/servpub/ver2/Banconote/cerca_banco.htm e quindi in un database presso il ministero.

    Proviamo a usare la grande rete Internet e l'interconnessione di cui si sente tanto parlare ma che ancora si vede poco: mettiamo i self service dei distributori di benzina, dei biglietti dell'autobus, dei parchimetri, in rete collegati con un site del ministero per la verifica delle banconote.

    Questi strumenti sono già in grado di riconoscere le banconote vere da quelle false ma collegati alla grande rete potrebbero non accettare banconote con numeri di serie corrispondenti a banconote rubate o segnate.

    Proviamo ora a mettere questo tipo di controllo alla cassa di uno sportello bancario.

    Diciamo che l'interazine sarebbe altissima è vero  ma sarebbe enorme il guadagno che aziende e la società ne farebbero.


    Al prossimo post

  • Carta virtuale... furto reale

    C'è bisogno di spingere i consumi, dare sicurezza agli utenti e quindi cosa potevano inventare le banche? la carta virtuale.

    Il meccanismo è semplice, con una carta prepagata si possono generare un numero considerevole di carte virtuali valide fino alla data che vogliamo noi e accettate sui circuiti visa.

    La possibilità di generare tante carte virtuali usa e getta da certo una bella sensazione di sicurezza, di inattaccabilità dei propri soldi: "questa volta sono sicuro! non mi fregano, genero una carta che scade fra 3 ore, così non mi potranno più prosciugare il conto o la carta".

     Peccato che la carta virtuale si appoggi su conto vero o sulla carta vera contro la quale si fa phishing si scatenano keylogger e worm vari fino ad entrare in possesso dei dati di accesso a questa carta.

    A questo punto il gioco è ancora più terribile! qualcuno potrebbe usare illegalmente la carta lasciando poche tracce e molto disperse.... le carte generate sono virtuali.... e qui diventa duro il lavoro di chi fa indagini.

  • Casi Trattati

    Computer Crimes

      di successo trattati

    L'esperienza maturata con CTU Tribunale e come Consulente tecnico di parte, ci ha permesso di acquisire un know-how significativo nello svolgimento d'indagini e perizie informatiche forensi, in ambito civile  penale, nei più ampi ambiti  dell'informatica forense di cui riportiamo un alcuni esempi:

    • Furto d'identità:social network, email e forum
    • Violazione della Privacy
    • Software spia su computer e cellulari
    • Stalking a mezzo computer Internet e cellulari
    • Divorzio e separazione
    • Diffamazione in Internet social network, riviste online, blog e forum
    • Giustizia sportiva
    • Manomissione centraline autovetture km e registro tagliandi
    • Accesso abusivo a sistema informatico
    • Accesso abusivo alla posta elettronica
    • Trascrizioni foniche
    • Utilizzo strumenti informatici in azienda
    • Facebook e chat in azienda
    • Furto dati aziendali
    • Dipendente infedele
    • Spionaggio industriale
    • Accertamenti fiscali e tributari
    • Sabotaggio informatico interno all'azienda
    • Tutela del patrimonio aziendale in Internet
    • Reati informatici dlgs 231
    • Contestazioni giuslavoristiche
    • Valutazione economica serverfarm
    • Valutazione economica prodotti piattaforme software e servizi IT
    • Contratti di web marketing e SEO
    • Contratti di servizio IT
    • Frode informatica
    • Clonazione carte di credito
    • Maltrattamento animali
    • Frodi alimentari
    • Adulterazioni alimentari
    • Contraffazione

     

    contattci      preventivio
  • Dipendenti infedeli, Illeciti e frodi sul lavoro in crescita nel 2017

    Dipendente InfedeleIn crescita i reati sul lavoro di dipendenti/dirigenti/amministratori, dai più tradizionali furbetti del cartellino, ai dipendenti infedeli, ai certificati medici taroccati, fino ad arrivare ai reati informatici condotti in azienda: furto,trafugamento,alerazione di dati aziendali impiegando computer e dispositivi mobili aziendali.  a queste si aggiungono le frodi elettroniche, secondo lo studio Axerta, 4 aziende su 10 subiscono frodi informatiche :

    “Gli illeciti dei dipendenti – spiega Vincenzo Francese, amministratore unico – sono più frequenti di quanto si possa immaginare. E causano perdite ingentissime. Per correre ai ripari, le company commissionano analisi che possono andare dalla ricerca di prove su danni e ammanchi a quelle sulla vita della singola persona pre-assunzione. In particolar modo, quando si va a caccia di candidati per posizioni delicate o prima di firmare accordi con determinate aziende. Nel 90% dei casi, le frodi portano all’ individuazione del responsabile. E le sanzioni che si rischiano sono sia aziendali che penali”.

    Dalla ricerca Axerta risulta che i reati più temuti troviamo le frodi sugli acquisti, furti e atti vandalici, lo spionaggio industriale.

    Con l'avvento del GDPR l'attenzione su queste tematiche sarà ancora più alta, ma le aziende avranno normativamente più strumenti per monitorare
    la sicurezza dei propri dati e del proprio business. Sempre più spesso ci vengono richiesti vulnerability assessment e audit forensi a campione sui dispositivi aziendali, computer, tablet, file server etc..
    sono segno tangibile di una sensibilità nuova e orientata alla salvaguardia del business.

    fonte: http://nuvola.corriere.it/2017/11/30/illeciti-e-frodi-sul-lavoro-sono-in-crescita/?refresh_ce-cp

     

Questo sito utilizza i cookie per offrire una migliore esperienza di navigazione. Cliccando OK puoi continuare la navigazione e questo messaggio non ti verrà più mostrato. Se invece vuoi disabilitare i cookie puoi farlo dal tuo browser. Per maggiori informazioni puoi accedere alla nostra cookie policy.