Blog

Cassazione Lavoro indagini informatiche malattia

La sentenza n. 18507/2016 della Corte di Cassazione ha confermato e rinnovato la legittimità dei controlli difensivi dell’azienda per sospetta simulazione fraudolenta dello stato di malattia del dipendente. 

E' stato ritenuto del tutto ammissibile il ricorso ad indagini investigative per documentare l’attendibilità del certificato di malattia, producendo nel caso di specie  supporti foto e video che hanno condotto al licenziamento del dipendente per giusta causa.

Questa sentenza conferma come anche le indagini difensive preventive in ambito informatico possono essere utilizzate dall'azienda in tale contesto. Sono numerosi i casi in cui il soggetto, ufficialmente in malattia, posta sui socialnetwork foto da congressi, da occasioni ludiche, da luoghi di villeggiatura, addirittura indicando la sua posizione geografica; o addirittura pubblica ebook o articoli.

Elementi che in un contesto di indaginin informatiche, anche con l'ausilio di tecniche OSINT, posso portare alla formulazione di una perizia informatica che inchioda il soggetto alle sue responsabiltà. a maggior ragione se queste azioni fossero intraprese con strumenti aziendali assegnati al dipendente; questi sarebbero i migliori testimoni per l'accucsa dell'azienda.

 

Se hai bisogno di una perizia informatica o di una indagine informatica forense contattaci al 3487920172 oa info@studiofiorenzi.it.

Operiamo come CTP, Consulenti Tecnici di Parte e come CTU, Consulenti Tecnici d'Ufficio, In tutta Italia e principalmente in toscana: Firenze, Prato, Pistoia, PisaLucca, Livorno, Massa, Siena, Arezzo, Grosseto  

Saremo a SMAU Milano 2016 il 25 Ottobre, per parlare delle novità introdotte dal Job Act in materia di controlli sugli strumenti aziendali, in particolare su computer smartphone etc...

Affrettatevi sono disponibili solo gli ultimi posti, http://www.smau.it/milano16/schedules/prove-digitali-privacy-e-poteri-di-controllo-in-azienda/ 

in ogni caso non esitate a contattarci anche solo per un chiarimento

Smau Milano 2016 Fiorenzi

Quanta Ipocrisia e quanto marketing c'è dietro l'iniziativi di Enisa del Mese dedicato alla sicurezza Informatica? Beh, siamo a fine anno e i commerciali hanno da chiudere i budaget altrimenti non si spiegherebbe un mese deidicato alla sicurezza informatica. 

Si perchè della sicurezza informatica non interessa a nessuno, anzi è percepita come un problema ed un costo: patch da installare con conseguenti fermi di servizi,  infrastrutture tecnologiche complesse e costose, processi che ingessano l'azienda; questa è la percezione della sicurezza nelle aziende. Se escludiamo gli addetti ai lavori e i pochi manager illuminati, per il resto dell'utenza business la sicurezza è un fardello ed un problema che si porta dietro solo costi.; sono pochi quelli che comprendono che la sicurezza dei sistemi IT è un acceleratore e un'assicurazione per il business.

Se poi andiamo a considerare la società civile, la situazione non è certo migliore con un dilagare di furti di identità, phishing, sofwtare spia su smartphone etc...

Ma ciò nonostante la UE dedica un mese alla sicurezza informatica; non lo fa per l'informazione e la lotta contro i tumori, non lo fa nella lotta contro l'HIV, non lo fa per il rispetto dell'ambiente,non lo fa nella lotta contro la violenza contro le donne  ... ma lo fa per la sicurezza informatica, ma che bravi!!!!

 

Carissimi membri del Think Tank di Enisa, leggisi UE, volete veramente sensibilizzare aziende e società civile?

Partiamo sensibilizzando la società civile per sensibilizzare di conseguenza le aziende. Iniziamo con obbligare ogni anno i comuni ad organizzare  incontri gratuiti sui temi più quotidiani della sicurezza, su quali sono i rischi legati al mondo dei social, quali sono le minacce che arrivano per email, quali sono i rischi legati ai sistemi di messaging. Ci sono tante associazioni di Informatici che hanno nel DNA questa missione e che potrebbero mettersi a disposizine delle istituzioni.

Solo così, formando e sensibilizzando,  potremo potremo avere cittadini, che sono  impiegati e manager, consapevoli e coscienti dei rischi informatici nella vita quotidiana, e a maggior ragione nelle svolgimento delle loro mansioni lavorative e nell'esercizio di impresa.

 

Questo sito utilizza i cookie per offrire una migliore esperienza di navigazione. Cliccando OK puoi continuare la navigazione e questo messaggio non ti verrà più mostrato. Se invece vuoi disabilitare i cookie puoi farlo dal tuo browser. Per maggiori informazioni puoi accedere alla nostra cookie policy.