licenziamento

  • CASSAZIONE: legittimo il licenziamento per sottrazione di documenti aziendali

    Risultati immagini

    (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma, 24 ott - Legittimo il licenziamento del dipendente che scarica sulla propria pen drive diversi dati aziendali. Lo precisa la Cassazione con la sentenza n. 25147/2017. La Corte ha ritenuto che la misura e' legittima anche in assenza di una successiva divulgazione a terzi dei dati raccolti. E' stata cosi' censurata l'operazione considerando solo la gravita' di quanto fatto a prescindere da ogni possibile sviluppo. Per essere piu' precisi - si legge nella sentenza - l'operato del prestatore e' censurabile sotto due profili. E' stata censurata la grave infrazione alla disciplina o alla diligenza nel lavoro o che provochi all'impresa grave nocumento morale e materiale e, in seconda battuta, la circostanza che il soggetto avesse compiuto azioni delittuose in connessione con lo svolgimento del rapporto di lavoro individuata nel furto o danneggiamento volontario di materiale di impresa illustrativo di brevetti o di procedimenti di lavorazione. Tanto e' bastato per incrinare irrimediabilmente il vincolo di fiducia tra lavoratore e datore.

    Gpi

    (RADIOCOR) 24-10-17 15:18:30 (0475)AVV 5 NNNN

  • Licenziamento legittimo quando gli strumenti aziendali sono usati per scopi estranei a quelli dell'ente

    La Corte di cassazione con la sentenza n. 10836/2017 ha confermato il licenziamento per giusta causa del dipendente dell'Inps che svolge in favore di una società un'attività di consulenza incompatibile con il suo ruolo e "usando il fax aziendale per scopi estranei a quelli dell'ente".

    Il valore di questa sentenza è nell'interpretazione estensiva all'utilizzo di tutti gli strumenti aziendali, come del resto la sentenza lascia comprendere, l'utilizzo di strumenti aziendali, che si tratti di fax, mail, stampanti, o computer al per scopi estranei a quelli dell'ente o dell'azienda è motivo licenziamento per giusta causa. Il fatto che si utilizzino risorse aziendali per scopi non legati all'attività aziendale arreca un danno economico e un ingiusto profitto ad altri.

    Quando questo concetto lo applichiamo al contesto delle risorse informatiche che l'azienda mette a disposizione delle sue maestranze, assume una connotazione importante, sopratutto in un paese come il nostro, in cui il cellulare aziendale piuttosto che il notebook, sono percepiti e vissuti più come benefit invece che come strumenti di lavoro forniti per svolgere mansioni specifiche; in questo senso la sentenza di cassazione va ca confermare l'orientamento già presente nel Jobs Act. Certamente per poter individuare tali tipi di abuso è necessario un piano di audit IT che da un lato rispetti le libertà personali di dipendenti e collaboratori, ma che allo stesso tempo permetta di tutelare l'azienda contro usi impropri e abusi delle risorse aziendali.

    Piano e attività di Audit che in ambito information technology, data la volatilità e fragilità delle prove informatiche, è doveroso siano condotte secondo i principi della digital forensics per poter disporre di elementi oggettivi, scientifici e opponibili a terzi.

Questo sito utilizza i cookie per offrire una migliore esperienza di navigazione. Cliccando OK puoi continuare la navigazione e questo messaggio non ti verrà più mostrato. Se invece vuoi disabilitare i cookie puoi farlo dal tuo browser. Per maggiori informazioni puoi accedere alla nostra cookie policy.