Ricordate gli uffici degli anni 80, quelli con i terminali grandi come un televisore, con i fosfori verdi e uffici di 5 o 6 persone, che quando ci si chiudeva dentro fuori non sentivano niente?

Qualcuno dirà che erano altri tempi, qualcun'altro dirà anche che sono tempi passati ma personalmente credo che quell'era fosse una bella era. Certamente lavorare in ufficio allora significava fare un lavoro importante e delicato, l'etica lavorativa di quei tempi e forse anche quei fosfori verdi imponevano una certa soggezione e rispetto del lavoro e di tutto quello che trattava. Se un operatore aveva bisogno di una utenza e password per accedere ad una sezione del mainframe, non pensava certo di chiederla a gran voce ai colleghi. Con gli anni ì'90 e l'arrivo dei personal computer le cose sono cambiate molto nelle aziende. Sono spariti gli uffici classici a vantaggio di quelli sempre più aperti, gli open space e i computer sono diventati sempre più di uso familiari, il vecchio terminale non impone più il rispetto e il timore che imponeva una volta. con questo se n'è andata anche l'etica al lavoro e può capitare ad un consulente di ascoltare in un open space di programmatori e sistemisti diverse username e password per accedere ai sistemi... ma tanto l'azienda ha firewall, antivirus, ips, etc... che proteggono l'azienda.... si proteggono l'azienda dalla tecnologia non dalla stupidità. Questa è forse la sfida più difficile per chi si occupa di sicurezza informatica, far comprendere che i dati che i propri colleghi trattano sono preziosi, che le username e password non si urlano tanto meno in un openspace. forse tornare ai vecchi uffici di poche persone e ben chiusi potrebbe aiutare? forse ma non basta.