Risultati immagini

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma, 24 ott - Legittimo il licenziamento del dipendente che scarica sulla propria pen drive diversi dati aziendali. Lo precisa la Cassazione con la sentenza n. 25147/2017. La Corte ha ritenuto che la misura e' legittima anche in assenza di una successiva divulgazione a terzi dei dati raccolti. E' stata cosi' censurata l'operazione considerando solo la gravita' di quanto fatto a prescindere da ogni possibile sviluppo. Per essere piu' precisi - si legge nella sentenza - l'operato del prestatore e' censurabile sotto due profili. E' stata censurata la grave infrazione alla disciplina o alla diligenza nel lavoro o che provochi all'impresa grave nocumento morale e materiale e, in seconda battuta, la circostanza che il soggetto avesse compiuto azioni delittuose in connessione con lo svolgimento del rapporto di lavoro individuata nel furto o danneggiamento volontario di materiale di impresa illustrativo di brevetti o di procedimenti di lavorazione. Tanto e' bastato per incrinare irrimediabilmente il vincolo di fiducia tra lavoratore e datore.

Gpi

(RADIOCOR) 24-10-17 15:18:30 (0475)AVV 5 NNNN