I giovani, e fra questi tanti minori, sono fra i maggiori "divoratori" di Internet e per questo è assolutamente preoccupante il risultato dello studio condotto da kaspersky secondo cui 2 utenti su 3 trovano in Internet contenuti pornografici non certo adatti ad un pubblico minore.

Il (59,5%) degli utenti incontrato pornografia; più di un quarto (26,6%) è atterrato o dirottato su siti web dedicati al gioco d'azzardo; un utente su cinque si imbatte in siti che trattano di armi; e quasi lo stesso numero in siti in cui si usa un linguaggio linguaggio forte al limite dell'oltraggioso.

Si sono sdoganati facilmente troppi tabùi? o ancor pegggi abbiamo consegnato le chiavi di Internet ai minori senza educarli ad un uso corretto e consapevole? Questo naturalmente senza trascurare la responsabilità dei content provider la cui azione è solo animata dal business e non dat temi etici.

Il rapporto è consultabile sul sito http://www.kaspersky.com/about/news/business/2015/Two-thirds-of-Users-Encountered-Content-Dangerous-to-Children-on-the-Internet-in-2014