Già il cyberbullismo non è certo un bell'argomento, ma quando a questo si aggiunge l'aggettivo "femminile" la quesitone diventa veramente pesante da digerire.

Le bulle in questione, due ragazze di 16 e 17 hanno piacciato picchiato una ragazza e poi diffuso il video dell’aggressione su Whatsapp. Avevano picchiato per gioco un’amica di 12 anni riprendendola con lo smartphone e per deriderla avevano diffuso quel filmato ai loro contatti con WhatsApp.

La cosa più impressionante è vedere come nessuno degli spettatori sia intervenuto minimamente, tutti come davanti ad uno spettacolo con l'aggravente della registrazione col telefonino. Tutto ciò conferma come questi ragazzi usino con troppa disinvoltura trumenti così "pericolosi" come gli smartphone, un uso consapevole sarebbe stato quello di portare il video ricevuto via whatsapp subito alla polizia postale. E' proprio il caso di dire che ferisce più un cellulare che la spada

la notizia è sul mattino al seguente link http://www.ilmattino.it/primopiano/cronaca/bulle_picchiano_12enne_whatsapp_genova/notizie/1210023.shtml